top of page

Mercato veicoli industriali lieve crescita nel 2023, ma l'elettrico non decolla


Nel corso del tradizionale evento stampa di fine anno l'Unrae, l'Unione nazionale delle Case estere, ha presentato i dati e le prospettive del mercato italiano dell'automotive illustrando un quadro desolante per il settore auto (1,2 milioni di unità perse rispetto al 2021), luci e ombre per il segmento dei veicoli industriali e commerciali.



Complessivamente nei primi undici mesi sono stati immatricolati 146.709 veicoli, facendo registrare un calo del 12,9% rispetto ai volumi del 2021 (13,1% rispetto al 2019).

Il dato più evidente, però, è la quota ancora esigua di mezzi a basse o zero emissioni.

Sul fronte delle alimentazioni, infatti, gli elettrici (Bev) seppur in salita, sono fermi a una quota del 2,4% con 3.265 esemplari, gli ibridi plug-in Phev allo 0,4% (579), mentre crescono molto più rapidamente gli ibridi Hev, che passano dal 5,9% del 2021 all'11,2% (14.964).


Anche se in sensibile calo (con una rappresentatività che passa dall'84,4 al 76%) il diesel la fa ancora da padrone con 101.932 immatricolazioni, mentre i veicoli a benzina passano dal 3,3 al 5,6% (7.544 unità). In lieve aumento la rappresentatività del Gpl (dal 2,7 al 3%, pari a 3.965 unità), mentre il metano passa dal 2,1 all'1,3% (1.803).


I veicoli industriali oltre le 3,5 tonnellate, pur in una situazione di crisi, la situazione è meno preoccupante.

Almeno per l'anno in corso. Il più 12,2% del mese di novembre rispetto allo stesso periodo del 2021 (2.141 immatricolazioni contro le precedenti 1.909), che rappresenta il bilancio mensile positivo consecutivo, porta il consuntivo da gennaio a superare la soglia del pareggio, facendo segnare un +0,2%, pari a 23.036 mezzi rispetto ai 22.984 del 2021 e un +7,4% rispetto al 2019.

Dati che fanno prevedere un ulteriore incremento, pur contenuto, nel corso dell'anno a venire.


Rimorchi e semirimorchi sembrano essere indenne da scossoni e crisi. Sempre secondo le stime dell'Unrae, il mese scorso il mercato dei rimorchi e semirimorchi ha chiuso con +5,8 e 1.294 immatricolazioni portando il consuntivo dei primi undici mesi a 15.476 unità, pari a un incremento del 13,4% sul 2021 (+15,9% vs 2019).

Tengono pure gli autobus che grazie anche al bilancio positivo dell'undicesimo mese (+26,9, 236 mezzi) chiudono il periodo gennaio-novembre a +3,5% sul 2021, ma in flessione del 30% rispetto al 2019.


19876543w
.pdf
Download PDF • 205KB

Comments


bottom of page